Siti ed eventi Altare preistorico di Monte d'Accoddi

Altare preistorico di Monte d'Accoddi

Altare preistorico di Monte d'Accoddi

Sassari (SS)

L'altare preistorico di Monte d'Accoddi è stato costruito in due fasi diversi durante il periodo della cultura di Ozieri (4000-3200 a. C.) e il periodo della cultura di Filigosa e Abealzu (3200-2700 a. C). L'altare si presenta come un piramide troncato, anche chiamato ziqqurath, con una lunga rampa d'accesso. Intorno ci sono i resti di un villaggio, non del tutto scavato dagli archeologi. Di particolare interesse sono il menhir, il tavolo in pietra e la pietra ovale che si trovano accanto all'altare.

Altare preistorico di Monte d'Accoddi

L'altare preistorico di Monte d'Accoddi è considerato per la sua particolarità un monumento unico nel Mediterraneo occidentale. Il sito si trova a metà strada tra Porto Torres e Sassari. Il monumento ha la forma di un piramide tronca (o ziqqurat) e presenta una lunga rampa d'accesso sul lato sud-orientale. Gli studiosi fanno risalire la fase più antica al 4000-3200 a C, il periodo della Cultura di Ozieri. Il nome Accoddi deriva probabilmente dalla parola coda che significa pietra. A partire dagli anni cinquanta del secolo scorso sono stati eseguiti degli scavi archeologici sotto la guida di Ercole Contu e di Santo Tiné. Intorno all'altare sono visibili i resti di un villaggio preistorico e non lontano dal sito si trovano diverse necropoli con Domus de Janas; queste sono le necropoli di Su Crucifissu Mannu, di Ponte Secco, di Marinaru e di Monte d'Accoddi.

L'altare preistorico fu stato costruito in due fasi distinte. Nella prima fase il monumento era più basso e sulla sua piattaforma era stato eretto un tempietto dipinto con ocra rossa, da qui il nome tempio rosso. Nella seconda fase di costruzione l'altare fu innalzato inglobando il tempio rosso. Dopo gli scavi archeologici l'altare è stato restaurato, ma secondo alcuni archeologi il monumento in origine non presentava i lati a gradinata né la scala che dalla rampa porta alla piattaforma. Tutti i reperti rinvenuti nell'area archeologica si trovano nel museo archeologico di Sassari. In questo museo si può ammirare un modello dell'altare che lo riproduce nella sua fase più antica, e nelle bacheche sono esposte ceramiche risalenti ai vari periodi di attività del monumento.

Il villaggio intorno al monumento, solo in parte scavato, era costituito da capanne rettangolari, molto diverse dalle capanne rotonde del periodo successivo ovvero l'Età del Bronzo il periodo nuragico sardo. Una capanna, detta dello stregone, è stata scavata interamente. Dagli scavi risulta che le capanne avevano le fondamenta in pietra mentre l'alzato dei muri e il tetto erano realizzati con l'uso di frasche e di argilla. Sembra che già nella preistoria la capanna dello stregone fu distrutta da un incendio che sigillò il suo contenuto di ceramiche faccendolo arrivare quasi intatto ai giorni nostri.

Sulla sinistra della rampa d'accesso dell'altare si trova un menhir alto circa cinque metri e a destra della rampa si vedono due grandi massi ovali e un lastrone di pietra calcarea con dei fori in prossimità dei bordi. Gli studiosi pensano che queste pietre avessero una funzione particolare nei riti preistorici, ma non si sa quale. L'altare aveva senz'altro un ruolo centrale nella società preistorica nel momento di sviluppo dell'agricoltura, infatti il monumento si trova in mezzo alla fertile pianura della Nurra che si estende da Porto Torres ad Alghero. Nonostante la sommiglianza dell'altare ai ziqqurat della Mesopotamia o le piramidi dell'Egitto non è accertata nessuna relazione diretta con questi monumenti. Nell'Età del Bronzo l'altare perse la sua funzione e cadde in abbandono riducendosi in un cumulo di pietre che ha dato origine al suo nome moderno.

Bibliografia

1. Contu, E. 2000, L'altare preistorico di Monte d'Accoddi, Sassari
2. Tanda G. 2013, Sassari and Porto Torres, Monte d'Accoddi and Su Crucifissu Mannu, Regione Autonomo della Sardegna, Cagliari

Indirizzo: SS131 km222, Bancali (SS)

Tel: +39 3348074449

Orari: giugno - agosto 9.00-19.00 novembre - marzo 9.00-14.00. Aprile - maggio e settembre - ottobre 09.00-18.00. Domenica 9.00-14.00 Chiuso il lunedì e festivi

Prezzi: Euro 3,00

Sito web: Museo Sanna Sassari

Servizio di visite guidate

Le informazioni sono state aggiornate al 2018 tuttavia prezzi e orari di apertura possono subire variazioni.

Ultimo aggiornamento 07/10/2016

Nuraghe App

Get it on Google Play

Indice

©2019 Tharros.info Mappa del sito Privacy Contatto