Siti ed eventi Castello di Acquafredda

Castello di Acquafredda

Castello di Acquafredda

Siliqua (CA)

Il castello di Acquafredda fu costruito nel medioevo per controllare la valle del Cixerri e la città di Villa di Chiesa, l'odierna Iglesias. Un tempo apparteneva a Ugolino della Gherardesca, conte di Donoratico, di famiglia pisana. Lo stesso Ugolino è anche menzionato nella Divina Commedia di Dante Alighieri.

Castello di Acquafredda

Nei pressi di Siliqua dove si estende la valle del Cixerri si trovano i resti del castello di Acquafredda. Il castello e il suo borgo sono stati costruiti su un irto cono vulcanico, in un punto particolarmente favorevole per il controllo strategico dei movimenti e traffici da e per centri importanti. Infatti verso ovest si trova Iglesias, centro storico della regione mineraria del Sulcis-Iglesiente, e verso est si trova Cagliari, il capoluogo e porto commerciale più importante della Sardegna. Inoltre una via verso sud attraversa i monti e si collega direttamente con i paesi di Santadi e Villaperuccio e con la costa sud occidentale nei pressi di Sant'Antioco. Il castello fu costruito nel XIII secolo dai Giudici di Cagliari e passò poi in mano alla famiglia dei Donoratico di cui faceva parte anche Ugolino della Gherardesca Conte di Donoratico, menzionato da Dante nella Divina Commedia.

Il castello fa parte del parco Domo Andesitico di Acquafredda e l'ingresso si trova ai piedi del cono. Da qui parte il sentiero che serpeggiando porta ai vari livelli del castello fino ad arrivare in cima a m 256 di altezza. Sul primo livello si incontrano i resti della porta grande e il borgo del castello. Qui alloggiavano i soldati e i servi con le loro famiglie. In questa parte sono visibili le fondamenta di alcune case, una chiesa e i resti delle possenti mura e torri che cingevano il borgo. Delle quattro torri originarie due sono ancora visibili.

Sempre salendo lungo il sentiero si raggiunge il secondo livello e si incontra una grande cisterna che approviggionava il castello di acqua dolce. Più in alto si trova una seconda torre cisterna, a circa 200 metri di altezza. Il sentiero continua verso l'alto dove si trovano il mastio del castello e una torre, la Torre di Guardia. Il mastio purtroppo per ragioni di sicurezza non è visitabile ma dalla Torre di Guardia si ha ugualmente una buona visuale sul mastio. Dalla Torre di Guardia si ha inoltre una bellissima panoramica sulla pianura sottostante e i monti a sud del castello. In origine il mastio del castello doveva essere collegato alla Torre di Guardia da un ponte, così si desume da un rilievo conservato nella chiesa di Siliqua. Sulle mura del castello si scorgono ancora alcuni stemmi dei castellani, i signori proprietari.

Bibliografia

Ortu, G.G. 2005: La Sardegna dei Giudici

Indirizzo: ss293 km 35 Siliqua

Tel: 3491564023 - 3497428014

Orari: tutti i giorni 10:00 - 18:00

Prezzi: 4.00 Euro (ridotto 3.00/3.50 Euro per gruppi e bambini. Con guida 2.00 Euro extra

Sito web: Castello di Acquafredda

Le informazioni sono state aggiornate al 2019 tuttavia prezzi e orari di apertura possono subire variazioni.

Ultimo aggiornamento 04/10/2016

Nuraghe App

Get it on Google Play

Indice

©2019 Tharros.info Mappa del sito Privacy Contatto